Dieci attrici accusano Brizzi: “È lui il Weinstein italiano”

“Mi voleva allargare le gambe con la forza”. A “Le Iene” il racconto choc delle dieci ragazze che accusano il regista

In un servizio de Le Iene dieci attrici raccontano le molestie subite dal regista Fausto Brizzi: “Mi voleva allargare le gambe con la forza”

“Ha preso il suo pisello e mi voleva allargare le gambe con la forza”. Sono dieci le attrici italiane che accusano Fausto Brizzi di essere il “Weinstein italiano”.

“Era diventato un mostro, in faccia non era più lui”, ha detto una delle attrici intervistate a volto coperto, “Gli uscivano le vene, aveva gli occhi rossi… era diventato tutto rosso”. Nell’inchiesta vengono interpellate una trentina di donne dello spettacolo – quasi tutte in forma anonima -. “Non vogliamo certo accanirci su un solo regista”, spiega Giarrusso, “Secondo quello che abbiamo raccolto i personaggi del mondo cinema che avrebbero usato il loro potere per molestare giovani attrici sarebbero molti più di uno. Ma il fatto che dieci attrici ci abbiano fatto dei racconti che si somigliano in maniera impressionante ci ha fatto riflettere”.

Gli incontri sarebbero avvenuti nello studio “adibito anche a casa” del regista. “C’erano i fumetti e una Jacuzzi nel salotto”, racconta un’attrice”. “Ha cominciato a massaggiarmi il collo”, dice un’altra. A questo punto Brizzi le avrebbe invitate a rilassarsi, sostenendo di aver frequentato un corso di massaggi e si sarebbe spogliato, propronendo “esercizi di improvvisazione”, in cui toccava e baciava le sue vittime. Scene d’amore da “regista realista” che vuole una scena vera e non recitata.

“Era rimasto in mutande con un’evidente erezione”, racconta al telefono un’aspirante attrice, “Ero impaurita e paralizzata… ha cercato di tirarmi giù i pantaloni e mi ha infilato una mano nelle mutande”. “Mi ha detto: Io non so se posso darti un film se non so che sei pronta a tutto. Adesso ti vuoi spogliare?“, aggiunge Clarissa Marchese, Miss Italia 2014. “Mi ha messo la mano sul suo pene e voleva che lo masturbassi”, dice ancora un’altra, “Si è masturbato fino a raggiungere l’orgasmo guardandomi negli occhi”. E ancora: “Mi ha cominciato a toccare il seno, a mettermi la mano sul c…o attraverso i pantaloni. Fino a quando le mutande non le aveva più. E io a 20 anni mi sono ritrovata con il c…o in mano di un 50enne”.

Solo una avrebbe subìto un rapporto sessuale compreso. Ma i racconti si somigliano tutti: un provino, poi il massaggio e gli “esercizi di improvvisazione”. Che si concludevano in un atto sessuale da parte del regista.

Doctor Jeckill e Mister Hide? Sembrerebbe così ascoltando le due versioni: da una parte le attrici raccontano – con dovizia di particolari – le molestie sessuali subite; dall’altra lui nega ogni accusa sostenendo di non aver “mai e poi mai” avuto “rapporti sessuali non consenzienti o condivisi”.

Commenti Facebook